Vegetalmente Sani

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere le ultime news, le iniziative, i prodotti che stiamo raccogliendo e le proposte di confetture.

    
Dieta mediterranea ha benefici duraturi sulla salute

I benefici per la salute derivanti dal passare ad una dieta in stile mediterraneo e aumentare la quantità di tempo trascorso a fare esercizio fisico, per un periodo di sole otto settimane, sono visibili ancora un anno dopo l'arresto del regime, secondo quanto dimostra un nuovo studio.

Perdi il peso, non le patate

Un nuovo studio, disponibile gratuitamente sul Journal of American College of Nutrition, dimostra che le persone possono mangiare le patate e comunque perdere peso.


La ricerca, frutto della collaborazione tra l'Università della California di Davis e l'Illinois Institute of Technology, ha cercato di capire meglio il ruolo della riduzione di calorie e dell'indice glicemico nella perdita di peso quando vengono incluse le patate nella dieta.


"Alcune persone hanno messo in dubbio il ruolo delle patate in un regime di perdita di peso a causa della designazione del vegetale come alimento ad... [Leggi tutto]

Dieta mediterranea può invertire la sindrome metabolica

Per invertire la sindrome metabolica, le persone con questa condizione dovrebbero passare alla dieta mediterranea, integrata con olio extravergine di oliva o noci, secondo i risultati di uno studio clinico pubblicato sul CMAJ (Canadian Medical Association Journal).


Circa il 25% degli adulti di tutto il mondo hanno la sindrome metabolica. La sindrome esiste in presenza di tre o più dei seguenti fattori: grande circonferenza vita, pressione alta, bassi livelli di colesterolo HDL (buono), alti livelli di trigliceridi e alte concentrazioni di zucchero nel sangue, che possono aumentare il rischio di... [Leggi tutto]

Una mela al giorno potrebbe tenere lontano l'obesità

Scienziati della Washington State University hanno concluso che i composti non-digeribili delle mele - in particolare, delle Granny Smith - possono aiutare a prevenire i disturbi associati all'obesità.


Lo studio, ritenuto il primo a valutare questi composti in cultivar di mele coltivate nel nord-ovest del Pacifico, compare nell'edizione di ottobre della rivista Food Chemistry.


"Sappiamo che, in generale, le mele sono una buona fonte di questi composti non-digeribili, ma ci sono differenze nelle varietà", ha detto lo scienziato alimentare Giuliana Noratto, ricercatore principale dello studio."I risultati di questo studio... [Leggi tutto]

5 porzioni al giorno di frutta e verdura per prevenire la depressione

Il consumo di frutta e verdura potrebbe essere positivo sia per la salute fisica che per quella mentale, suggerisce una nuova ricerca.


Lo studio, condotto alla University of Warwick con i dati dal «Health Survey for England», e pubblicato su BMJ Open, si è focalizzato sul benessere mentale e ha scoperto che il consumo di frutta e verdura di un individuo è costantemente associato al benessere mentale alto o basso.

 


Il 33,5% degli intervistati con benessere mentale alto mangiano cinque o più porzioni di frutta e verdura al giorno, rispetto... [Leggi tutto]

Combattere il cancro alla prostata con una dieta ricca di pomodoro

Una nuova ricerca suggerisce che gli uomini che mangiano più di 10 porzioni a settimana di pomodori hanno un rischio del 18 per cento più basso di sviluppare il cancro alla prostata.


Con 35.000 nuovi casi ogni anno nel Regno Unito, e circa 10.000 decessi, il cancro alla prostata è il secondo tumore più diffuso tra gli uomini di tutto il mondo.


I tassi sono più alti nei paesi sviluppati, tanto che alcuni esperti credono che siano legati alla dieta e allo stile di vita occidentalizzati.


Per valutare... [Leggi tutto]

Il colorito da frutta/verdura è meglio di quello da sole

Dimenticate lettini abbronzanti, prendere il sole e le false lozioni abbronzanti. Il segreto per un colorito sexy e sano sta nel mangiare le cinque porzioni al giorno di frutta e verdura, rivela una nuova ricerca della Taylor & Francis.


Un nuovo ed innovativo studio, pubblicato di recente su The Quarterly Journal of Experimental Psychology, getta nuova luce sull'importanza del colore della pelle come determinante dell'attrattività del viso. Esso mostra anche che la colorazione da carotenoidi ha il sopravvento sulla melanizzazione quando si tratta di regole di attrazione.


"La colorazione della pelle... [Leggi tutto]

Ancora troppa poca frutta e verdura; nutrizionista dice di concentrarsi sul pranzo

Le modifiche al programma supplementare di nutrizione stanno migliorando il numero di frutti mangiati ogni giorno da bambini, ma i bambini e gli adulti ancora non stanno raggiungendo la dose giornaliera raccomandata.


Un nutrizionista della Kansas State University dice che per raggiungere tale dose è necessario concentrarsi sul pranzo.


Un nuovo rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention rileva che i bambini di età compresa tra 2 e 18 anni stanno assumendo più frutta intera e bevono meno succhi di frutta, mentre l'assunzione di verdura rimane la stessa.


Sandy Procter,... [Leggi tutto]

5 porzioni al giorno di frutta e verdura bastano per ridurre il rischio di morte

Uno studio pubblicato ieri su thebmj.com conclude che 5 porzioni  (*) giornaliere di frutta e verdura sono associate ad un rischio minore di morte per qualsiasi causa, in particolare per le malattie cardiovascolari, ma oltre le 5 porzioni sembra non ci siano altri effetti.


Questi risultati confliggono con un recente studio pubblicato nel Journal of Epidemiology and Community Health che aveva suggerito che sono almeno 7 le porzioni giornaliere di frutta e verdura collegate a un rischio più basso di morte.


C'è la crescente evidenza che l'aumento del consumo di frutta... [Leggi tutto]

I bambini non mangiano abbastanza frutta e verdura (studio)

Meno di un ragazzo ogni quattro in Europa ha abbastanza frutta e verdura incluse nella dieta quotidiana, secondo i risultati di uno studio condotto da ricercatori svedesi dell'Università di Örebro e del Karolinska Institutet.


I risultati fanno parte di uno studio finanziato dall'UE e sono stati presentati il 18 luglio su Public Health Nutrition.


E' tempo di agire, dice Agneta Yngve, professore di arte culinaria e scienza dell'alimentazione alla Örebro University, che, insieme a Christel Lynch, Bettina Ehrenblad e Eric Poortvliet del Karolinska Institutet, e a ricercatori di altri nove... [Leggi tutto]

Uno stile di vita sano aggiunge anni alla vita

Vivere più a lungo grazie alla frutta, ad uno stile di vita attivo, a poco alcol e niente sigarette.


Questa è la conclusione di uno studio condotto da medici della sanità pubblica all'Università di Zurigo, che hanno documentato per la prima volta con numeri l'impatto dei fattori comportamentali sulla speranza di vita.


I risultati devono essere ripresi nel counseling della prevenzione e della salute nelle cure primarie.


Malattie cardiovascolari (CVD), cancro, diabete e malattie respiratorie croniche: l'incidenza di queste malattie non trasmissibili (MNT) è in costante aumento nei paesi industrializzati.... [Leggi tutto]

Dieta migliore, con frutta e verdura, riduce il rischio di diabete

San Francisco - Migliorare la qualità complessiva della propria dieta aiuta a prevenire il diabete di tipo 2, indipendentemente da altri cambiamenti dello stile di vita, secondo uno studio presentato alla 74a Scientific Sessions® dell'American Diabetes Association.


Lo studio, effettuato da ricercatori della Harvard School of Public Health, ha scoperto che coloro che hanno migliorato i punteggi dell'indice di qualità della dieta del 10 per cento in quattro anni (mangiando più cereali integrali, più frutta e verdura, e meno bevande zuccherate e grassi saturi, per esempio) hanno ridotto il loro... [Leggi tutto]

'Presto e spesso' per dare ai bambini il gusto per le verdure

Avvicinare i bambini a un nuovo vegetale nei primi anni di vita li incoraggia a mangiare ancora di più rispetto all'offrire nuove verdure ai bambini più grandi, secondo una nuova ricerca dell'Università di Leeds.


I ricercatori, guidati dal professor Marion Hetherington, dell'Istituto di Scienze Psicologiche, hanno anche scoperto che anche i palati più esigenti sono in grado di mangiare un po' di più di un nuovo vegetale ogni volta che viene offerto.


La ricerca, che ha coinvolto neonati e bambini da Regno Unito, Francia e Danimarca, ha anche smontato il... [Leggi tutto]

Le verdure proteggono dall'ipertensione

Una dieta che combina grassi insaturi e verdure ricche di nitriti (tipo olio d'oliva e lattuga) può proteggerci dall'ipertensione: questo la conclusione di un nuovo studio condotto al King College di Londra.


I risultati, pubblicati ieri sulla rivista PNAS, aiutano a spiegare perché alcuni studi precedenti avevano dimostrato che una dieta mediterranea può ridurre la pressione sanguigna.

 


La dieta mediterranea di solito include grassi insaturi (presenti nell'olio di oliva, nelle noci e nell'avocado) insieme a verdure come spinaci, sedano e carote che sono ricchi di nitriti e nitrati.


Quando questi... [Leggi tutto]

Mangiare più frutta e verdura può ridurre il rischio di ictus

Mangiare più frutta e verdura può ridurre il rischio di ictus in tutto il mondo, secondo una nuova ricerca rilasciata Giovedi scorso.


I ricercatori hanno scoperto che il rischio di ictus diminuisce del 32 per cento per ogni 200 grammi di frutta consumati quotidianamente e dell'11 per cento per ogni 200 grammi di verdura consumata al giorno.

 


I risultati provengono dall'analisi di 20 studi pubblicati negli ultimi 19 anni, che forniscono dati di 760.629 uomini e donne che avevano subito 16.981 ictus.


"Migliorare la dieta e lo... [Leggi tutto]

Il verde che fa bene

Per quanto possa sembrare improbabile, i pomodori verdi potrebbero essere la soluzione per avere muscoli più grandi e più forti.


Usando un metodo di screening che aveva in precedenza identificato un composto nella buccia di mela come un agente di potenziamento muscolare, un team di scienziati dell'Università dello Iowa ha ora scoperto che la tomatidina, un composto a base di pomodori verdi, è ancora più potente per la costruzione dei muscoli e per la protezione dall'atrofia muscolare.

 


L'atrofia muscolare o deperimento, è causata dall'invecchiamento e da una varietà di... [Leggi tutto]

L'anguria può abbassare la pressione del sangue

Assicurati di prendere un cocomero - o due - quando arriva la stagione. Potrebbe salvarti la vita.


Un nuovo studio di Arturo Figueroa, Professore Associato della Florida State University, pubblicato sul Journal of Hypertension, ha scoperto che l'anguria potrebbe ridurre significativamente la pressione sanguigna dei soggetti in sovrappeso, sia a riposo che sotto stress.


"La pressione sull'aorta e sul cuore diminuisce dopo il consumo di estratto di cocomero", ha detto Figueroa.


Lo studio è iniziato da un concetto semplice: sempre più persone muoiono di attacchi cardiaci quando fa freddo, perché... [Leggi tutto]

Sette porzioni al giorno per ridurre il rischio di morte

Un nuovo studio della UCL segnala che mangiare sette o più porzioni di frutta e verdura al giorno riduce il rischio di morte in qualsiasi punto nel tempo del 42% rispetto a mangiare meno di una porzione.


I ricercatori hanno usato l' «Health Survey for England» per studiare le abitudini alimentari di 65.226 persone, rappresentative della popolazione inglese, tra il 2001 e il 2013, e hanno scoperto che più frutta e verdura mangiavano, meno probabilità avevano di morire a qualsiasi età.


Mangiare sette porzioni, o più, riduce i rischi... [Leggi tutto]

Frutta e verdura legate ad arterie più sane in anzianità

Le donne che hanno una dieta ricca di frutta e verdura fresche da giovani adulte hanno molte meno probabilità di avere un accumulo di placca nelle arterie dopo 20 anni, rispetto a quelle che hanno consumato quantità inferiori di questi alimenti, secondo una ricerca presentata alla 63a Sessione Scientifica Annuale dell'American College of Cardiology.


Questa nuova scoperta rafforza l'importanza di sviluppare abitudini alimentari sane nei primi anni di vita.

 


Studi precedenti avevano scoperto che gli adulti di mezza età, la cui dieta è costituita da un'alta percentuale di frutta e... [Leggi tutto]

Frutta e verdura legate a rischio minore di parto prematuro

Le donne incinte con una dieta "prudente" ricca di verdure, frutta, cereali integrali e che bevono acqua, hanno un rischio significativamente ridotto di parto pretermine, secondo uno studio pubblicato ieri sul bmj.


Anche uno schema "tradizionale" di dieta di patate bollite, pesce e verdure cotte è legato a un rischio significativamente più basso.


Sebbene questi risultati non siano in grado di stabilire la causalità, essi supportano i consigli dietetici alle donne incinte di avere una dieta equilibrata che comprende ortaggi, frutta, cereali integrali e pesce e bere acqua.


Il parto pretermine... [Leggi tutto]