Vegetalmente Sani

5 porzioni al giorno di frutta e verdura per prevenire la depressioneIl consumo di frutta e verdura potrebbe essere positivo sia per la salute fisica che per quella mentale, suggerisce una nuova ricerca.


Lo studio, condotto alla University of Warwick con i dati dal «Health Survey for England», e pubblicato su BMJ Open, si è focalizzato sul benessere mentale e ha scoperto che il consumo di frutta e verdura di un individuo è costantemente associato al benessere mentale alto o basso.

 


Il 33,5% degli intervistati con benessere mentale alto mangiano cinque o più porzioni di frutta e verdura al giorno, rispetto solo al 6,8% che mangia meno di una porzione. Commentando i risultati il dottor Saverio Stranges, l'autore principale del documento di ricerca, ha dichiarato: "I dati suggeriscono che maggiore è l'assunzione di frutta e verdura di un individuo, minore è la possibilità di avere un benessere mentale basso".


Il 31,4% di quelli con alto benessere mentale mangiano tre-quattro porzioni e il 28,4% ne mangia una o due.


I ricercatori hanno scoperto che altri comportamenti relativi alla salute sono associati con il benessere mentale, ma, assieme al fumo, solo il consumo di frutta e verdura è costantemente associato sia negli uomini che nelle donne. L'assunzione di alcool e l'obesità non sono stati associati con un alto benessere mentale.


Secondo il ​​dottor Saverio Stranges, "insieme con il fumo, il consumo di frutta e verdura è il comportamento legato alla salute che si associa costantemente con il benessere mentale sia basso che alto. Questi nuovi risultati suggeriscono che la frutta e la verdura possono avere un ruolo potenziale per guidare il benessere non solo fisico, ma anche mentale nella popolazione generale".


Il benessere mentale basso è fortemente legato alle malattie mentali e ai problemi di salute mentale, ma l'alto benessere mentale è più che un'assenza di sintomi o malattie; è uno stato in cui le persone si sentono bene e funzionano bene.


Ottimismo, felicità, autostima, reattività e buoni rapporti con gli altri fanno tutti parte di questo stato. Il benessere mentale è importante non solo per proteggere le persone dalle malattie mentali, ma perché protegge le persone dalle malattie fisiche comuni e gravi.


Discutendo le implicazioni della ricerca, il co-autore professor Sarah Stewart-Brown afferma che "la malattia mentale è estremamente costosa sia per l'individuo che per la società, e il benessere mentale è alla base di molte malattie fisiche, stili di vita insalubri e disuguaglianze sanitarie sociali. E' diventato molto importante cominciare a ricercare i fattori che consentono alle persone di mantenere un senso di benessere. I nostri risultati si aggiungono alla crescente evidenza che frutta e verdura potrebbero essere uno di tali fattori e implicano che le persone sono in grado di migliorare il loro benessere mentale, prevenendo allo stesso tempo le malattie cardiache e il cancro".


Il benessere mentale è stato valutato con la «Warwick-Edinburgh Mental Wellbeing Scale», in cui il 15% più in alto dei partecipanti classificati hanno benessere mentale alto, il 15% in fondo è basso e dal 16% all'84% è medio.


La ricerca ha coinvolto 14.000 partecipanti in Inghilterra dai 16 anni in sù, il 56% femmine, dai quali sono state tratte informazioni dettagliate sulla salute mentale e fisica, i comportamenti correlati con la salute, la demografia e le caratteristiche socio-economiche.

 

 

 

 


FonteUniversity of Warwick  (>English text) - Tradotto da Franco Pellizzari

Riferimenti:  S. Stranges, P. C. Samaraweera, F. Taggart, N.-B. Kandala, S. Stewart-Brown. Major health-related behaviours and mental well-being in the general population: the Health Survey for England. BMJ Open, 2014; 4 (9): e005878 DOI: 10.1136/bmjopen-2014-005878

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.