Vegetalmente Sani

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere le ultime news, le iniziative, i prodotti che stiamo raccogliendo e le proposte di confetture.

    
captcha 

Ancora troppa poca frutta e verdura; nutrizionista dice di concentrarsi sul pranzoIl consumo medio di frutta e verdura nei paesi europei (Fonte: European Food Information Council)

Le modifiche al programma supplementare di nutrizione stanno migliorando il numero di frutti mangiati ogni giorno da bambini, ma i bambini e gli adulti ancora non stanno raggiungendo la dose giornaliera raccomandata.


Un nutrizionista della Kansas State University dice che per raggiungere tale dose è necessario concentrarsi sul pranzo.


Un nuovo rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention rileva che i bambini di età compresa tra 2 e 18 anni stanno assumendo più frutta intera e bevono meno succhi di frutta, mentre l'assunzione di verdura rimane la stessa.


Sandy Procter, assistente professore di nutrizione umana e coordinatrice dell'Expanded Food and Nutrition Education Program della Facoltà di Ecologia Umana dell'università, dice che il passaggio dal succo di frutta al frutto intero è un grande miglioramento.


"Questo è un segnale molto positivo per quel gruppo di età perchè è lì che c'era molta preoccupazione per il consumo eccessivo di succo di frutta", ha detto la Procter. "C'è stato un vero e proprio sforzo concertato per far arrivare il messaggio ai genitori e ai caregiver ben predisposti che, anche se il succo di frutta al 100 per cento è molto nutriente, ha un contenuto molto alto di calorie. Quando è dato con esagerazione ai bambini, può causare diarrea e contribuire all'obesità".


La Procter attribuisce i miglioramenti nell'assunzione di frutta alle modifiche apportate allo Special Supplemental Nutrition Program for Women, Infants and Children (WIC). Nel 2007 il programma WIC è iniziato in via sperimentale, permettendo l'acquisto di frutta e verdura fresca e diminuendo la quantità di denaro disponibile per i succhi di frutta. Le modifiche sono entrate in vigore per tutti con il programma di gennaio 2014.


Nonostante il miglioramento, la maggior parte dei bambini e degli adulti non mangia sempre abbastanza frutta e verdura. Secondo il 2013 State Indicator Report on Fruits and Vegetables del National Center for Chronic Disease Prevention and Health Promotion, l'americano medio mangia una porzione di frutta e 1,3 porzioni di verdura al giorno.


Nel Kansas la percentuale di persone che hanno riferito di consumare frutta meno di una volta al giorno è del 41 per cento. Per le verdure, il 22 per cento ha riferito di mangiare meno di una porzione di verdura al giorno, considerando le patatine fritte come opzione vegetale (!!).


"Si dice che circa cinque porzioni al giorno siano abbastanza facili da realizzare, ma anche se può essere facile, non ci stiamo arrivando", ha detto la Procter. "Penso che mentre i genitori si stanno preparando per il ritorno a scuola, è importante rendersi conto che è abbastanza semplice da raggiungere; si deve solo pianificare in anticipo".


La Procter sottolinea che il pranzo è il pasto più importante per il consumo di frutta e verdura e dice che se questi componenti nutritivi non sono inclusi nel pranzo, è molto difficile raggiungere le 5 porzioni di frutta e verdura raccomandate al giorno. Dice anche che migliorare le abitudini alimentari nei bambini porterà ad abitudini alimentari più sane più tardi nella vita.

 

 

 


Fonte: Kansas State University  (>English text) - Tradotto da Franco Pellizzari

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.