Vegetalmente Sani

I bambini non mangiano abbastanza frutta e verdura (studio) Meno di un ragazzo ogni quattro in Europa ha abbastanza frutta e verdura incluse nella dieta quotidiana, secondo i risultati di uno studio condotto da ricercatori svedesi dell'Università di Örebro e del Karolinska Institutet.


I risultati fanno parte di uno studio finanziato dall'UE e sono stati presentati il 18 luglio su Public Health Nutrition.


E' tempo di agire, dice Agneta Yngve, professore di arte culinaria e scienza dell'alimentazione alla Örebro University, che, insieme a Christel Lynch, Bettina Ehrenblad e Eric Poortvliet del Karolinska Institutet, e a ricercatori di altri nove paesi europei, ha esaminato la quantità di frutta e verdura che mangiano i bambini a scuola.


Includere molta frutta e verdura nella propria dieta riduce il rischio di malattie cardiache, di ictus, di diabete e persino di alcune forme di cancro. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda un consumo giornaliero di almeno 400 grammi di frutta e verdura.


"Neanche la metà dei bambini in questo studio mangia frutta ogni giorno. L'immagine è un po' più luminosa quando si tratta di verdure. Il 55 per cento aggiunge le verdure alla dieta su base giornaliera", dice Agneta Yngve.


In media, i bambini di scuola in questo studio europeo mangiano tra i 220 e i 345 g di frutta e verdura al giorno. In Norvegia e Bulgaria c'è l'assunzione media giornaliera più alta, 345 g e 320 g rispettivamente. In Svezia, i bambini consumano 291 g al giorno. La Finlandia arriva alla fine della tabella con 220 g. La Svezia si distingue come il paese in cui i bambini di scuola mangiano la quantità maggiore di verdure.


"Crediamo che questo dipenda dalle mense scolastiche svedesi, dove viene offerta una buona selezione di insalate e verdure. Allo stesso tempo, i bambini svedesi non ottengono abbastanza verdure. Una media di 141g al giorno semplicemente non è sufficiente. Tutti i bambini dovrebbero mangiare almeno 200 g di verdura per essere all'altezza delle raccomandazioni dell'OMS".


In tutti i paesi europei, compresa la Svezia, i bambini però mangiano più frutta che verdura. I ricercatori ritengono che ciò sia dovuto alla frutta che è più fruibile, per esempio come spuntino, e ai bambini che trovano la frutta più gustosa. La maggior quantità di frutta viene consumata dai bambini in Norvegia, seguita da Bulgaria e Grecia. "Oltre alle differenze tra i paesi, abbiamo anche scoperto che le ragazze in genere mangiano più frutta e verdura rispetto ai ragazzi", continua Agneta Yngve.


Questo studio trasversale è la prima parte dello studio di intervento «Pro Greens». E' stato predisposto del materiale informativo per le scuole, in collaborazione con la catena di supermercati svedese Ica, con l'aiuto della quale i bambini di tutta Europa possono imparare a diventare amici dei loro corpi.


Quanta frutta e verdura mangiare e come? "Il passo successivo per noi è valutare se questo intervento ha avuto l'effetto desiderato", dice Agneta Yngve.

 

 

 


FonteÖrebro Universitet (>English text) - Tradotto da Franco Pellizzari

Riferimenti:  Christel Lynch, Asa Gudrun Kristjansdottir, Saskia J te Velde, Nanna Lien, Eva Roos, Inga Thorsdottir, Michael Krawinkel, Maria Daniel Vaz de Almeida, Angeliki Papadaki, Cirila Hlastan Ribic, Stefka Petrova, Bettina Ehrenblad, Thorhallur I Halldorsson, Eric Poortvliet, Agneta Yngve. Fruit and vegetable consumption in a sample of 11-year-old children in ten European countries – the PRO GREENS cross-sectional survey. Public Health Nutrition, 2014; 1 DOI: 10.1017/S1368980014001347

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.