Vegetalmente Sani

Il verde fa benePer quanto possa sembrare improbabile, i pomodori verdi potrebbero essere la soluzione per avere muscoli più grandi e più forti.


Usando un metodo di screening che aveva in precedenza identificato un composto nella buccia di mela come un agente di potenziamento muscolare, un team di scienziati dell'Università dello Iowa ha ora scoperto che la tomatidina, un composto a base di pomodori verdi, è ancora più potente per la costruzione dei muscoli e per la protezione dall'atrofia muscolare.


L'atrofia muscolare o deperimento, è causata dall'invecchiamento e da una varietà di malattie e infortuni, compreso il cancro, l'insufficienza cardiaca e le lesioni ortopediche, solo per citarne alcune. Essa rende le persone deboli e stanche, compromette l'attività fisica e la qualità della vita, e predispone le persone a cadute e fratture. La condizione colpisce più di 50 milioni di americani ogni anno, di cui 30 milioni con più di 60 anni, e spesso costringe le persone in case di cura o strutture di riabilitazione.


"L'atrofia muscolare causa molti problemi alle persone, alle loro famiglie e al sistema sanitario in generale", afferma Christopher Adams, professore associato di medicina interna e fisiologia molecolare e biofisica al College of Medicine della UI di Carver . "Tuttavia, ci manca un modo efficace per prevenirla o trattarla. L'esercizio fisico aiuta di certo, ma non è sufficiente e non del tutto possibile per molte persone che sono malate o ferite".

 

Più muscoli, meno grasso

Nel nuovo studio, pubblicato online il 9 aprile sul Journal of Biological Chemistry, Adams ha cercato un complesso di piccole molecole che potrebbe essere usato per il trattamento dell'atrofia muscolare. E' arrivato alla tomatidina usando uno strumento della biologia dei sistemi chiamato «Connectivity Map», che è stato sviluppato al Broad Institute del MIT e della Harvard University. Adams ha scoperto che la tomatidina genera cambiamenti nell'espressione genica che sono essenzialmente opposti ai cambiamenti che si verificano nelle cellule muscolari quando le persone sono affette da atrofia muscolare.


Dopo aver identificato la tomatidina, Adams e il suo team hanno testato i suoi effetti sul muscolo scheletrico. In primo luogo hanno scoperto che la tomatidina stimola la crescita delle cellule muscolari umane coltivate. "Questo risultato è stato importante perché siamo alla ricerca di qualcosa che può aiutare le persone", dice Adams, che è anche membro del «Fraternal Order of Eagles Diabetes Research Center» alla UI.


Il passo successivo è stato aggiungere tomatidina alla dieta di topi. Essi hanno scoperto che i topi sani con integrazione di tomatidina generano muscoli più grandi, diventano più forti e potrebbero fare esercizio più a lungo. E, soprattutto, hanno scoperto che la tomatidina previene e cura l'atrofia muscolare.


Sebbene i topi nutriti con tomatidina avessero muscoli più grandi, il loro peso complessivo del corpo curiosamente non era variato a causa di una corrispondente perdita di grasso, suggerendo che il composto può anche avere un potenziale per il trattamento dell'obesità.

 

Cibi più sani

Un aspetto interessante della tomatidina è che è un composto naturale derivato dal pomodoro. Esso viene prodotto quando l'alfa-tomatina, che si trova nelle piante di pomodoro e nei pomodori verdi in particolare, viene digerito nell'intestino.


"I pomodori verdi sono sicuri da mangiare, ma con moderazione. Ma non sappiamo quanti pomodori verdi una persona avrebbe bisogno di mangiare per avere una dose di tomatidina simile a quello che abbiamo dato i topi. Inoltre non sappiamo se una tale dose di tomatidina può essere sicura per le persone, o se avrà lo stesso effetto nelle persone come nei topi", dice Adams. "Stiamo lavorando duramente per rispondere a queste domande, sperando di trovare modi relativamente semplici che permettano alle persone di mantenere la massa e la funzione muscolare, o, se necessario, riconquistarle".


Adams e il suo team avevano in precedenza usato la stessa strategia di ricerca per scoprire che l'acido ursolico, un composto nelle bucce di mela, favorisce la crescita muscolare. "La tomatidina è significativamente più potente dell'acido ursolico e sembra avere un meccanismo d'azione diverso. Questo è un passo nella giusta direzione", dice Adams. "Ora siamo molto interessati alla possibilità che diversi composti naturali nei cibi, come la tomatidina e l'acido ursolico, possano un giorno essere combinati in integratori a base scientifica, o anche semplicemente incorporati in alimenti di uso quotidiano per renderli più sani".

[...]

 

 

 


Fonte:  Jennifer Brown in University of Iowa  (>English text) - Tradotto da Franco Pellizzari

Riferimenti:  M. C. Dyle, S. M. Ebert, D. P. Cook, S. D. Kunkel, D. K. Fox, K. S. Bongers, S. A. Bullard, J. M. Dierdorff, C. M. Adams. Systems-Based Discovery of Tomatidine as a Natural Small Molecule Inhibitor of Skeletal Muscle Atrophy. Journal of Biological Chemistry, 2014; DOI: 10.1074/jbc.M114.556241

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.