Vegetalmente Sani

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere le ultime news, le iniziative, i prodotti che stiamo raccogliendo e le proposte di confetture.

    
captcha 

Frutta e verdura legate ad arterie più sane in anzianitàLe donne che hanno una dieta ricca di frutta e verdura fresche da giovani adulte hanno molte meno probabilità di avere un accumulo di placca nelle arterie dopo 20 anni, rispetto a quelle che hanno consumato quantità inferiori di questi alimenti, secondo una ricerca presentata alla 63a Sessione Scientifica Annuale dell'American College of Cardiology.


Questa nuova scoperta rafforza l'importanza di sviluppare abitudini alimentari sane nei primi anni di vita.


Studi precedenti avevano scoperto che gli adulti di mezza età, la cui dieta è costituita da un'alta percentuale di frutta e verdura, hanno meno probabilità di avere un attacco di cuore o un ictus, ma non era chiara la relazione tra consumo di frutta e verdura durante l'età adulta e le malattie di cuore più tardi nella vita.


Per studiare questo concetto, i ricercatori hanno valutato l'associazione tra assunzione di frutta e verdura dei giovani adulti e la presenza di «calcificazione dell'arteria coronarica» (CAC), 20 anni dopo. I punteggi della CAC, ottenuti con una TAC, forniscono una stima diretta della quantità di placca nelle arterie coronariche. "E' una domanda importante, perché i comportamenti di stile di vita, come ad esempio una dieta sana per il cuore, sono il fondamento della prevenzione cardiovascolare e abbiamo bisogno di sapere quali componenti della dieta sono più importanti", ha detto Michael D. Miedema, MD, MPH, cardiologo del Minneapolis Heart Institute, e investigatore principale dello studio.


In particolare, le donne che riferiscono di aver consumato più frutta e verdura (da otto a nove porzioni al giorno in una dieta di 2.000 calorie) tra i 20 e i 30 anni, hanno il 40 per cento in meno di probabilità di avere della placca calcificata nelle arterie intorno ai 40 anni, rispetto a quelle che ne mangiavano di meno (3-4 porzioni al giorno) durante lo stesso periodo di tempo. Questa associazione persisteva anche dopo che i ricercatori hanno tenuto conto degli altri comportamenti di stile di vita, così come della loro dieta attuale, dimostrando ulteriormente il ruolo che possono avere le abitudini alimentari in età giovane.


"Questi risultati confermano il concetto che lo sviluppo della placca è un processo permanente, e questo processo può essere rallentato con una dieta sana in giovane età", ha detto Miedema. "Questo avviene spesso quando si stabiliscono le abitudini alimentari, quindi è importante sapere che le scelte che facciamo in gioventù hanno benefici per tutta la vita".


Essi hanno appurato con sorpresa che lo stesso beneficio non avviene negli uomini, fatto che merita ulteriori indagini. "Anche diversi altri studi hanno suggerito che una dieta ricca di frutta e verdura è meno protettiva negli uomini, ma non abbiamo una buona ragione biologica per questa mancanza di associazione", ha detto Miedema, aggiungendo che lo studio aveva meno potere di valutare gli uomini (62,7 per cento erano femmine contro il 37,3 per cento maschi).


Lo studio includeva 2.508 partecipanti provenienti dallo studio continuo sponsorizzato dal governo «Coronary Artery Risk Development in Young Adults» (CARDIA), che sta valutando come le malattie di cuore si sviluppano per tutta l'età adulta. Il CARDIA è iniziato a metà degli anni '80 con un gruppo di uomini e donne da 18 a 30 anni di età e ha raccolto numerosi dati sulle caratteristiche mediche, socio-economiche, psicosociali e comportamentali.


All'inizio del CARDIA (1985-1986), le donne e gli uomini sono stati intervistati sul consumo di frutta e verdura e sul numero di porzioni che avevano mangiato nel mese precedente con un questionario semi-quantitativo sulla frequenza del cibo. I ricercatori hanno poi calcolato il numero medio di porzioni di frutta e verdura al giorno e le hanno regolate su una dieta di 2.000 calorie. Le persone sono state divise in tre gruppi a base al consumo auto-riferito di frutta e verdura: alta, moderata e bassa.


La CAC è stata misurata al 20° anno (2005-2006) con tomografia computerizzata a fascio di elettroni. L'età media al basale e al 20° anno di controllo era rispettivamente di 25 e 45 anni. "Il punteggio CAC è attualmente il miglior predittore che abbiamo per gli attacchi di cuore futuri", ha detto Miedema. L'accumulo di calcio nelle pareti delle arterie coronarie è un segno precoce delle malattie di cuore, e la presenza di CAC aumenta notevolmente il rischio di un individuo di un futuro attacco di cuore.


Nella loro analisi, i ricercatori hanno controllato il fumo, l'esercizio fisico, il consumo di carne rossa, le bevande zuccherate e gli altri fattori di rischio dietetici e cardiovascolari che si correlano con l'aterosclerosi. Sono stati esclusi dall'analisi i partecipanti con apporti calorici/giorno estremi, troppo alti o troppo bassi, e quelli che mancavano dei punteggi CAC.


I risultati attuali sono in linea con le linee guida «2011 US Dietary Guidelines» del Department of Agriculture, che consigliano agli americani di riempire metà del loro piatto con frutta e verdura colorata ad ogni pasto o spuntino. Sulla base di queste raccomandazioni, gli adulti che consumano 2.000 calorie/giorno dovrebbero consumare 2,5 coppe di verdura e due coppe di frutta al giorno: un grande salto da quello che l'americano medio di solito mette dalla sua dieta, secondo i dati del governo.


Frutta e verdura sono ricchi di vitamine, minerali, fibre, antiossidanti e altre cose note per promuovere la buona salute. Le diete a base vegetale in generale, sono collegate ad una maggiore longevità, meno cancro, abbassamento del colesterolo / pressione sanguigna e ad un peso corporeo salutare.


Miedema ha sottolineato che ulteriori studi sono necessari per definire ulteriormente il rapporto tra frutta, verdura e malattie cardiovascolari negli uomini e nelle donne, oltre a determinare i modi migliori per aumentare la conformità ad una dieta ricca di frutta e verdura nella popolazione degli Stati Uniti.

 

 

 

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.