Vegetalmente Sani

Strawberries

Gli anziani possono ridurre il rischio di demenza da morbo di Alzheimer (MA) mangiando più fragole, secondo ricercatori della Rush University di Chicago.


Puja Agarwal e il suo team hanno analizzato i dati raccolti da 295 persone, con età compresa da 58 a 98 anni, che all'inizio dello studio erano senza demenza, usando questionari alimentari e valutazioni neurologiche nell'ambito del Rush Memory and Aging Project tra il 2004 e il 2018, come dichiarato in un comunicato stampa.


È emersa l'associazione tra il consumo frequente di fragole e una minore demenza di MA, e le informazioni sul collegamento sono state pubblicate in dicembre 2019 sulla rivista Nutrients.


I ricercatori hanno detto che c'è un legame potenziale tra i sintomi della malattia e un maggiore stress ossidativo e infiammazione. Le fragole sembrano avere proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie, forse per l'alto contenuto di flavonoidi e vitamina C.


Studi su animali hanno anche dimostrato che le fragole migliorano la funzione neuronale, la cognizione e alcuni esiti motori, secondo il comunicato.


Nello studio della Rush, l'assunzione di fragole variava da zero a due porzioni alla settimana. I ricercatori hanno scoperto che per ogni singola porzione in più di fragole, c'è stata una riduzione del 24% del rischio di demenza di MA.


Nel complesso, i partecipanti che mangiavano una o più porzioni di fragole alla settimana avevano un rischio inferiore del 34% di sviluppare la demenza di MA rispetto a quelli che non ne consumavano nessuna o meno di una al mese.

 

 

 

 


Fonte: Amy Sowder in The Packer (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Puja Agarwal, Thomas M Holland, Yamin Wang, David A Bennett and Martha Clare Morris. Association of Strawberries and Anthocyanidin Intake with Alzheimer’s Dementia Risk. Nutrients, 14 Dec 2019, DOI


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.