Vegetalmente Sani

 

Le calorie dei cibi più comuni: Kilocalorie (ogni 100g)

Fonte: http://www.chiarasangels.net/pagine/calorie.htm

 

 

Alimenti a calorie negative

Domanda: "Salve, volevo chiedere un'informazione che potrebbe sembrare un pò strana...
Ho letto su una rivista che esistono degli alimenti a calorie negative (precisamente si faceva riferimento a 19 alimenti - es. alcuni frutti e alcune verdure) che grazie a questa caratteristica permettono di dimagrire, continuando a mangiare di tutto, purchè questi alimenti vengano aggiunti (mangiati) nella dose di almeno 1/4 rispetto alla normale alimentazione.
Naturalmente nell'articolo che ho letto non vengono detti quali sono questi alimenti, ma c'è la possibilità di acquistare una "Relazione degli Alimenti che fanno dimagrire".....

Risposta: Mi sembra l'ennesima bufala. Da una breve ricerca su internet, ho trovato anche il libro in inglese che a quanto pare è stato tradotto in italiano da qualcuno che ha fiutato l'affare.
Quello che mi preoccupa (ma ormai ci ho fatto l'abitudine) è che ci sia qualche giornalista completamente privo di spirito critico disposto a credere a tutto ciò che fa sensazione, senza domandarsi se stia scrivendo delle assurdità o, come in questo caso, delle cose ovvie travestite da novità sensazionali.
Il fatto è che la gente non aspetta altro che trovare il rimedio che consenta di "mangiare di tutto", senza ingrassare o addirittura dimagrendo. Fortunatamente ci sono sempre più persone come te, che si informano prima di buttarsi sulle "novità".

Il fenomeno delle calorie negative si chiama termogenesi indotta dalla dieta, ed è molto semplice: per digerire il cibo il nostro organismo consuma calorie, dal 2 fino al 35%, mediamente il 10-15%. Ma questo valore non va sottratto dalle calorie assunte a fine giornata, nei bilanci calorici è già considerato! Cioè se il mio consumo calorico è pari a 2000 kcal compreso in questo valore c'è anche la termogenesi indotta dalla dieta.
Ecco l'errore numero uno: in una dieta equilibrata una buona dose di calorie negative c'è già, in una dieta da 2000 kcal ben il 10-15% (fino a 250 kcal!).

Allora aumentiamo le calorie negative e il gioco è fatto. Compro il libro e scopro che gli alimenti a calorie negative sono molte verdure e qualche frutto. Per esempio i broccoli hanno 55 kcal negative (80 per digerirli - 25 assimilate).
Per guadagnare 550 kcal al giorno devo mangiare un chilo di broccoli (al giorno). Bene: ho mangiato un chilo di broccoli e ora mangio quello che voglio: una pizza margherita e ho già recuperato con gli interessi le calorie negative. Evidentemente un grande sforzo (mangiare un chilo di broccoli sconditi) non ha prodotto questo grande vantaggio...

Conclusione: scopro che la dieta a calorie negative proposta dal libro non consente di mangiare ciò che si vuole senza ingrassare, è una semplicissima dieta equilibrata ricca di frutta e verdura. Se voglio mangiare ciò che voglio devo assumere chili di verdura per recuperare (assurdo).
Ma lo sapevo già che una dieta corretta deve contenere molta frutta e verdura, che saziano con poche calorie!

Fonte: Cibo360.it