Vegetalmente Sani

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere le ultime news, le iniziative, i prodotti che stiamo raccogliendo e le proposte di confetture.

    

Dieta vegetariana collegata a un rischio minore di tumori colorettaliSeguire una dieta vegetariana si è associato ad un minor rischio di tumori colorettali rispetto ai non-vegetariani in uno studio di uomini e donne «Avventisti del Settimo Giorno», secondo un articolo pubblicato online su JAMA Internal Medicine.


Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per cancro negli Stati Uniti. Sebbene sia dedicata una grande attenzione allo screening, l'obiettivo importante rimane la prevenzione primaria attraverso l'abbassamento dei fattori di rischio.


Secondo le premesse dello studio, i fattori dietetici sono stati identificati come un fattore di rischio modificabile per il cancro del colon-retto: per esempio la carne rossa è legata ad un aumento del rischio e gli alimenti ricchi di fibra alimentare sono legati alla riduzione del rischio.


Tra i 77.659 partecipanti allo studio, Michael J. Orlich, MD, PhD, della Loma Linda University in California, e i coautori, hanno identificato 380 casi di cancro al colon e 110 casi di cancro del retto.


Rispetto ai non-vegetariani, i vegetariani hanno un rischio minore del 22 per cento di tutti i tumori del colon-retto, del 19 per cento per il cancro del colon e del 29 per cento per cancro del retto. Rispetto ai non-vegetariani, i vegani avevano un rischio del 16 per cento più basso di cancro del colon-retto, del 18 per cento dei vegetariani lacto-ovo (mangiano latte e uova), del 43 per cento dei pesco-vegetariani (mangiano pesce) e dell'8 per cento dei semi-vegetariani, secondo i risultati del lo studio.


"Se tali associazioni sono causali, possono essere importanti per la prevenzione primaria dei tumori colorettali. ... La prova che le diete vegetariane simili a quelle dei partecipanti al nostro studio possono essere associate ad un rischio ridotto di tumore del colon-retto, assieme alle esperienze precedenti della riduzione potenziale del rischio di obesità, ipertensione, diabete e mortalità, devono essere considerate attentamente nel fare scelte alimentari e nel dare indicazioni dietetiche", conclude lo studio.

 

 

 

 


FonteThe JAMA Network Journals (>English text) - Tradotto da Franco Pellizzari

Riferimenti:  Michael J. Orlich, Pramil N. Singh, Joan Sabaté, Jing Fan, Lars Sveen, Hannelore Bennett, Synnove F. Knutsen, W. Lawrence Beeson, Karen Jaceldo-Siegl, Terry L. Butler, R. Patti Herring, Gary E. Fraser. Vegetarian Dietary Patterns and the Risk of Colorectal Cancers. JAMA Internal Medicine, 2015; DOI: 10.1001/jamainternmed.2015.59


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.