Vegetalmente Sani

Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere le ultime news, le iniziative, i prodotti che stiamo raccogliendo e le proposte di confetture.

    

Perdi il peso, non le patateUn nuovo studio, disponibile gratuitamente sul Journal of American College of Nutrition, dimostra che le persone possono mangiare le patate e comunque perdere peso.


La ricerca, frutto della collaborazione tra l'Università della California di Davis e l'Illinois Institute of Technology, ha cercato di capire meglio il ruolo della riduzione di calorie e dell'indice glicemico nella perdita di peso quando vengono incluse le patate nella dieta.


"Alcune persone hanno messo in dubbio il ruolo delle patate in un regime di perdita di peso a causa della designazione del vegetale come alimento ad alto indice glicemico (IG)", ha spiegato il dottor Britt Burton-Freeman, PhD, ricercatore principale dello studio. "Tuttavia, i risultati di questo studio confermano ciò che i professionisti sanitari e gli esperti di nutrizione dicono da anni: non è eliminare un certo gruppi di prodotti alimentari che conta, ma piuttosto ridurre le calorie".


Novanta uomini e donne in sovrappeso sono stati assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi: (1) ridotto contenuto calorico / alto indice glicemico, (2) ridotto contenuto calorico / basso indice glicemico, (3) gruppo di controllo senza restrizione di calorie o IG. Tutti e tre i gruppi hanno avuto patate, ricette salutari e istruzioni di consumare 5-7 porzioni di patate alla settimana.


Alla fine del periodo di studio di 12 settimane, i ricercatori hanno scoperto che tutti e tre i gruppi avevano perso peso e non c'era alcuna differenza significativa nella perdita di peso tra i gruppi. "Non ci sono prove che le patate, quando sono preparate in modo sano, contribuiscano all'aumento di peso. In realtà, vediamo che possono far parte di un programma di perdita di peso", ha detto la Burton-Freeman.


È interessante notare che anche il gruppo di controllo ha ridotto l'apporto calorico e ha perso peso pur non avendo uno specifico programma di restrizione calorica. "Il fatto che tutti i gruppi, anche il gruppo di controllo, hanno perso peso è una scoperta curiosa e ci dà un motivo per una ricerca futura", ha detto il co-ricercatore Dr. Tissa Kappagoda, MD, PhD.


I risultati dello studio sono una buona notizia per gli amanti delle patate e per qualsiasi consumatore che desidera ardentemente la soddisfazione di un pasto sano. Una porzione di medie dimensioni (150 g) di patata con buccia contiene solo 110 calorie, più potassio (620g) di una banana, fornisce quasi la metà del valore giornaliero di vitamina C (45 per cento), e non contiene grassi, sodio o colesterolo.

 

******
Questo studio è stato finanziato dal United States Potato Board (www.PotatoGoodness.com).

 

 

 

 


FonteTaylor & Francis (>English text) - Tradotto da Franco Pellizzari

Riferimenti:  Jody M. Randolph, Indika Edirisinghe, Amber M. Masoni, Tissa Kappagoda, Britt Burton-Freeman. Potatoes, Glycemic Index, and Weight Loss in Free-Living Individuals: Practical Implications. Journal of the American College of Nutrition, 2014; 1 DOI: 10.1080/07315724.2013.875441

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.