Vegetalmente Sani

A

Acidi grassi
Componenti principali della frazione lipidica (grassa) degli alimenti, costituiti da una catena di atomi di carbonio. I legami che uniscono questi atomi possono essere semplici o doppi; nel primo caso si tratterà di acidi grassi saturi, nel secondo di acidi grassi insaturi.

Acidi grassi trans
Negli acidi grassi insaturi di origine naturale, i doppi legami sono normalmente in forma cis, ovvero con i due idrogeni dalla stessa parte rispetto al doppio legame. Durante i processi di idrogenazione (addizione di idrogeno), una parte dei doppi legami presenti viene "saturata" e si formano legami semplici, mentre la configurazione originale dei doppi legami residui può subire una "isomerizzazione", ovvero una trasformazione della forma cis nella forma trans, con un idrogeno da una parte ed un idrogeno dall'altra rispetto al doppio legame. I grassi resi saturi tramite questo processo, benché di provenienza vegetale si comportano a tutti gli effetti come grassi saturi, provocando un aumento della colesterolemia, per aumento del colesterolo cattivo (LDL). I grassi trans, oltre a indurre un incremento del colesterolo LDL, provocano contemporaneamente una diminuzione di colesterolo buono (HDL). Per questo è opportuno limitarne l'assunzione.

Acido folico
Vedi Vitamina B9

Acido pantotenico
Vedi Vitamina B5

Acqua
L'acqua è, quantitativamente, il componente predominante dell'organismo umano: rappresenta circa il 60% del peso corporeo di un individuo adulto e bisognerebbe berne almeno 2 litri al giorno (dipende dalle dimensioni corporee). La percentuale di acqua nel corpo è maggiore nell'infanzia (77% alla nascita) e diminuisce progressivamente con l'età. L'acqua utilizzata come bevanda, favorisce i processi digestivi, è fonte di sali minerali e svolge un ruolo importante come diluente delle sostanze ingerite.

Acrilammide
E' una sostanza che può crearsi negli alimenti ricchi di amidi, quando vengano cotti a temperature superiori a 120°C (frittura, cottura al forno). Si può formare nelle patate fritte, nelle fette biscottate e nel pane, ma anche in prodotti a base di semi tostati (caffè, cioccolato). L'acrilammide è un noto carcinogeno negli animali da esperimento, pertanto si consiglia di ridurre al minimo tutte le fonti tramite l'adozione di una dieta equilibrata e varia, oltre ad evitare la cottura eccessiva dei cibi.

Alcol
Nome comune per l'alcol etilico o etanolo. Prodotto durante la fermentazione degli zuccheri da parte di lieviti, è il componente caratteristico delle bevande alcoliche. E' un tossico e un cancerogeno. Si stanno cominciando ad accumulare evidenze di cancerogenicità anche a basse quantità (per ogni 10 grammi al giorno di etanolo, si avrebbe un aumento di rischio per cancro della mammella del 10%).

Allergene
Una sostanza che provoca una reazione allergica.

Allergia
Una risposta immunologica che determina reazioni e fenomeni patologici dannosi per la salute.

Amido
Grande molecola costituita da numerose unità di glucosio legate insieme. Costituisce una riserva di zucchero per i vegetali e la principale fonte alimentare di zucchero per l'uomo.

Amido resistente
Piccola percentuale di amido che, per particolare struttura della molecola o per trattamenti tecnologici, "resiste" all'azione degli enzimi ed è quindi indigeribile per l'uomo.

Amminoacidi
Gli aminoacidi svolgono la loro funzione fondamentale come componenti della molecola proteica e sono precursori di altre molecole con importanti funzioni biologiche. In natura esistono centinaia di aminoacidi, e continuamente ne vengono messi in evidenza di nuovi, però solamente 20 sono coinvolti nella sintesi proteica. Tra questi, anche se a livello cellulare devono essere contemporaneamente presenti tutti, solo otto amminoacidi devono essere introdotti con gli alimenti nell'età adulta (nove in età evolutiva). L'organismo non è, infatti, in grado di sintetizzare: valina, isoleucina, leucina, lisina, metionina, fenilalanina, treonina, triptofano (e istidina in età evolutiva). Sono considerati semi-essenziali cisteina e tirosina che sono in grado di far "risparmiare" rispettivamente metionina e fenilalanina.

Anemia
Diminuzione del numero di globuli rossi nel sangue o dell'emoglobina in essi presente, con perdita conseguente, più o meno grave, della capacità di trasporto dell'ossigeno nei tessuti. Causa affaticamento, debolezza, astenia, scarsa capacità di concentramento; può compromettere la capacità di apprendimento e quella lavorativa, soprattutto nei casi molto gravi. Molteplici le cause nutrizionali, tra queste malassorbimento o carenza alimentare di ferro e vitamine del gruppo B.

Fonte: Sapermangiare.mobi



Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, espressamente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.